La fibra di cellulosa rispetta l’ambiente

Posted by on Mag 11, 2015 in Consigli di Fersol | 0 comments

La fibra di cellulosa rispetta l’ambiente

 

La fibra di cellulosa è l’isolante naturale più consigliato per qualità ecologiche, prestazioni ed economicità. Questo materiale si presenta a fiocchi prodotti con carta di giornale riciclata (che costituisce circa l’80% del fiocco), poi vengono trattati con sali borici per renderli ignifughi e non attaccabili dagli insetti. Di norma è il fornitore che provvede a insufflare la fibra di cellulosa nell’intercapedine della parete con apparecchiature adatte all’intervento.
Ideale per soluzioni ecologiche, la fibra di cellulosa è un isolante termoacustico con prestazioni elevate, perfetto per la coibentazione di intercapedini, muri perimetrali, muri interni ed esterni, tetti e sottotetti. Inoltre permette un risparmio energetico elevato (dal 25% al 40% sulle spese di riscaldamento) e aumenta il benessere all’interno della casa, attraverso la massima traspirabilità del vapore acqueo. La sua applicazione è eseguita da personale specializzato attraverso la tecnica dell’insufflaggio, che consiste nell’inserire il prodotto all’interno di intercapedini, controsoffitti e sottotetti tramite un macchinario dotato di pompe ad aria che distribuisce il materiale in maniera uniforme, permettendo la creazione di uno strato isolante uniforme. L’insufflaggio di questo materiale è la soluzione migliore per isolare la casa dal caldo in estate e dal freddo in inverno. La fibra di cellulosa in fiocchi, infine, è facile da applicare e non richiede né di particolari interventi né di stravolgimenti delle strutture murarie. Si può scegliere in quale modo insufflare, cioè si può forare la facciata sia sul lato interno che esterno, in base alle condizioni dell’edificio e alla tipologia di lavoro che si deve andare a fare.

 

fibra-di-cellulosa-foro-R
La posa dall’esterno risulta positiva perché non va ad invadere gli spazi interni all’abitazione con operai e macchinari. Però comporta di avere degli oneri aggiuntivi di impalcatura e carrelli elevatori e di ritocco delle facciate nei punti in cui vengono applicati i fori.
La posa dall’interno è maggiormente invasiva, richiede spazi di manovra e la possibilità di accedere all’interno con operai ed è quella più indicata se si stanno già eseguendo lavori di ristrutturazione anche interna.
 Non bisogna inoltre dimenticare che tutto ciò avviene nel pieno rispetto per l’ambiente, ma ugualmente non è infiammabile, non attaccabile da muffe, parassiti e roditori e ha una durata illimitata in virtù della presenza dei sali di boro.
I costi energetici per la sua produzione sono bassissimi. Richiede un minor consumo di energia per la produzione rispetto a quella degli altri materiali isolanti tradizionali, con il risultato di ridurre notevolmente le emissioni di CO2. Ogni tonnellata di fibra di cellulosa prodotta equivale ad una riduzione di 920 tonnellate di anidride carbonica emessa. L’isolamento che si ottiene è ottimo e ciò ha un ruolo fondamentale nella riduzione delle emissioni di anidride carbonica poiché diminuisce sia la domanda di riscaldamento, sia di condizionamento.
Un ambiente sano e confortevole rispetta l’uomo e la natura che lo circonda.

Rispondi