Isolare la casa dall’interno

Posted by on Giu 21, 2017 in Consigli di Fersol | 0 comments

Isolare la casa dall’interno

 

Oggi isolare bene una casa o un qualsiasi edificio si può, ed è opportuno farlo soprattutto se poi si hanno anche dei riscontri sotto l’aspetto del risparmio energetico, con il conseguente risparmio economico sulle bollette. Si parla molto di isolare la casa dall’esterno, ma ciò non toglie che sia possibile anche dall’interno, utilizzando le giuste procedure e gli adeguati materiali. Gli specialisti in questo settore sono tanti e tutti molto preparati per affrontare le varie problematiche che in un edificio può avere.

Si parla molto di materiali adatti ad isolare termicamente soprattutto in fase di costruzione, ma è possibile intervenire anche su edifici già esistenti con lavori appositi da utilizzare all’interno. Infatti ci sono Leggi che permettono di costruire pareti con spessori maggiori, senza tener conto se l’immobile è di nuova costruzione oppure da ristrutturare. Infatti l’involucro di un edificio deve essere ben coibentato per non avere problemi con le pareti che sono a contatto con l’esterno, soprattutto deve essere valutata molto bene la tenuta termica. Bisogna limitare il più possibile gli scambi termici sia nella stagione fredda, sia in quella calda, in questo modo si mantiene costante la temperatura degli ambienti. I materiali della costruzione utilizzati vanno posati senza interruzioni, per eliminare i ponti termici, cioè quei punti in cui avviene una discontinuità tra i materiali utilizzati. In poche parole, la barriera che viene creata deve essere omogenea e uniforme.

I punti a favore di un isolamento termico interno sono i seguenti:

  • economicità dell’intervento;
  • un minor consumo di riscaldamento, anche se non eccessivo.

Però esistono anche dei punti contro, come ad esempio:

  • i ponti termici esistenti rimangono;
  • la muffa sui muri rimane, anche se non si vede perché coperta;
  • aumenta il famoso rischio di condensa;
  • le stanze si restringono;
  • non sempre è garantito un ottimale comfort.

 

Si nota già da subito, quindi, che le negatività sono maggiori rispetto i punti a favore. Quindi l’isolamento termico interno bisogna prenderlo in considerazione se non c’è un’altra possibilità di scelta di intervento, come l’insufflaggio all’interno delle intercapedini delle pareti di materiale isolante, oppure il cappotto termico esterno.

Se si opta per un intervento interno bisogna stare molto attenti al materiale utilizzato, che deve essere isolante, naturale, traspirante e non nocivo per la salute dell’uomo. Sui materiali da utilizzare non va fatta economia, visto che un intervento di isolamento dall’interno non richiede dei costi eccessivi. Il materiale deve essere in grado di assorbire tutta l’umidità, senza compromettere la sua funzione primaria, l’isolamento. Inoltre non deve bloccare il riciclo d’aria. Isolare dall’interno non significa incollare pannelli isolanti alle pareti, operazione che oltre a servire a poco peggiorerebbe il comfort abitativo. Il sistema efficace di applicazione dei pannelli isolanti è quello di creare una controparete interna, che sfrutta le proprietà di coibentazione dell’aria e permette anche di inserire nell’intercapedine una buona quantità di isolante igroscopico e traspirante.
E’ necessario creare il miglior comfort abitativo possibile, perché la salute va salvaguardata e difesa. Isolare dall’interno si può, ma bisogna utilizzare molte accortezze e precauzioni.

 

Rispondi